Lanzarote: la mia isola a colori

L’azzurro delle acque cristalline, il verde smeraldo delle piantagioni di vite che si stagliano sul terreno nero, l’ocra, il rosso delle rocce laviche, il bianco delle case.

Se solo potessi dipingere Lanzarote sono questi i colori che utilizzerei.

Lanzarote è l’isola dei contrasti, della natura incontaminata, della vegetazione che si contrappone a distese di terra arida e scura, delle strade nere e desolate che costeggiano paesaggi vulcanici, delle spiagge paradisiache contraddistinte da sabbia dorata sottile ed acque turchesi.

Abbiamo trascorso cinque giorni in questa bellissima terra esplorandola in lungo ed in largo.

Siamo partiti con l’intenzione di trascorrere le nostre giornate immersi nelle acque azzurre del mare ma i paesaggi in cui ci siamo imbattuti ci hanno rubato il cuore.

Abbiamo attraversato l’isola da nord a sud ed ogni giorno è stata una nuova scoperta, ogni visita una nuova emozione, ogni colore una nuova rivelazione.

In questa isola incantata ogni angolo meriterebbe di essere visitato ma, se come noi avete a disposizione solo qualche giorno di vacanza, ecco l’elenco di posti che più ci hanno colpito e che vi convinceranno di aver scelto la meta giusta

Jameos del Agua

Meravigliosa oasi dove la forza natura e l’ingegno umano dell’artista locale César Manrique si fondono, dando vita ad uno spettacolo mozzafiato. Situato nel comune di Harìa, a nord della regione, lo Jameos del Agua è caratterizzato da una grotta vulcanica formatesi in seguito all’eruzione del Monte Corona ed alla solidificazione della colata lavica. Il termine “jameo” fa riferimento al foro che si è venuto a creare a causa del crollo di una parte del tetto del tunnel vulcanico.

Al Jameos del Agua si accede per mezzo di una una scalinata in pietra e subito ci si trova catapultati in una piccola grotta dai colori surreali all’interno della quale è stato allestito un caratteristico ristorante.

Percorrendo uno stretto sentiero si può ammirare un lago naturale dalle acque chiare, dimora di una particolare specie di granchio albino, unico al mondo.

Continuando lungo il percorso ci si troverà all’improvviso proiettati in un giardino caratterizzato da piante tropicali e da una piscina dalle acque azzurre e cristalline. In questa atmosfera sovrannaturale, flora e fauna si fondono, dando vita ad uno spettacolo a dir poco emozionante.

Mirador del Rio

Situato sulla sulla scogliera del Risco de Famara, nella parte più settentrionale dell’isola, il Mirador del Rio regala agli occhi curiosi dei turisti un’incantevole veduta panoramica sull’Oceano Atlantico. Anche in questo caso la creatività artistica di César Manrique si fonde con le bellezze naturali del luogo, dando vita ad uno spettacolo unico al mondo.

All’interno, una  terrazza panoramica dotata di vetrate consente di gustare una bibita fresca godendo della vista sul Rio, lo stretto lembo d’acqua che separa l’isola di Lanzarote dall’isolotto di La Graciosa.

Mercadillo Teguise

Il paesino di Teguise, nell’area nord orientale dell’Isola, la domenica mattina ospita un coloratissimo e pittoresco mercato che vale la pena di visitare.

L’aria che si respira e l’atmosfera che si vive  camminando per le strade  e le piazze del centro sono difficili da descrivere: artisti e piccoli commercianti offrono prodotti dell’artigianato locale, street food e tanta musica.

E’ certamente il luogo giusto se siete alla ricerca di souvenir che vi ricordino l’esperienza sull’isola.

La Geria

Arrivati nella regione vinicola collocata nel cuore dell’isola, lo spettacolo che ci si è presentato davanti agli occhi è stato a dir poco emozionante.

Riuscite ad immaginare una distesa di terra nera, buche scavate nel terreno e riparate da muretti semicircolari all’interno dei quali spicca prepotentemente il verde intenso delle piantagioni di vite?

I colori contrastanti creano scenario suggestivo, unico nel suo genere e la tentazione di restare immobili ad ammirare lo spettacolo che si presenta davanti ai vostri occhi sarà irresistibile.

In questa area troverete anche numerose bodegas nelle quali è possibile assaggiare la Malvasia, il tipico vino dell’arcipelago canario.

Parque Nacional de Timanfaya

Con i suoi paesaggi lunari creati dalle eruzioni vulcaniche del 1700, il Parco Nazionale di Timanfaya si estende su superficie di circa 51 km².

Viaggiando a bordo di un autobus è possibile percorrere l’itinerario noto come Ruta de los Volcanes ed ammirare un paesaggio incontaminato che è stato dichiarato Riserva della Biosfera dell’Unesco.

Attraversando le strette strade di asfalto nero, assisterete ad uno degli spettacoli più pittoreschi che l’isola vi offre, viaggerete attraverso coni vulcanici e rimarrete incantati davanti alle bellezze di questa terra rossa e nera che si mostra prepotente davanti agli occhi dei turisti increduli.

Caratteristico è il poter visitare un tratto del Parco optando per una breve escursione in cammello.

El Golfo – Lago de los Clicos

A poche centinaia di metri dal villaggio de El Golfo, nel  comune di Yaiza, si può ammirare un’altra meraviglia che l’isola di Lanzarote custodisce gelosamente, come uno dei suoi gioielli più preziosi.

Si tratta di un cratere vulcanico collassato, all’interno del quale si è formata una piccola una laguna dal caratteristico colore verde, dovuto alla presenza di una particolare alga che prolifera al suo interno

Avete idea di quale sensazione può suscitare uno specchio di acqua verde accostato al rosso fuoco della roccia lavica, al nero cupo della spiaggia vulcanica ed all’azzurro cristallino delle acque dell’Oceano?  Questo luogo è un’esplosione di colori intensi che lasciano spazio all’immaginazione, una meraviglia naturale unica nel suo splendore davanti alla quale non riuscirete a rimanere indifferenti.

Playa Papagayo

Lanzarote è anche sole, relax, spiaggia paradisiache e mare cristallino.

Le migliori spiagge a nostro avviso sono quelle che si trovano nel  versante meridionale ma quella che ci è rimasta nel cuore è indubbiamente Playa de Papagayo.

Riparata da ripide scogliere, la Playa de Papagayo è una caletta di sabbia vellutata e dorata, con acque color smeraldo e fondali trasparenti.

5 risposte a “Lanzarote: la mia isola a colori”

  1. Enrica Roversi dice: Rispondi

    Grazie Rossella e Davide,mi avete fatto sognare ad occhi aperti!
    Non mi resta che organizzare il prima possibile un viaggio in questa bellissima isola.

  2. Alice Notarianni dice: Rispondi

    …e brava la mia blogger!Tifo per te. A me piacciono i tuoi outfits, che si blendano bene con i paesaggi!

  3. Wow! Tramite i vostri racconti ho vissuto questi splendidi paesaggi, come se ci fossi stata personalmente. Sarà sicuramente la meta della mia prossima vacanza.

  4. Fui hace unos años, y desribiste las cosas tal cual, leerte fue como un volver a estar ahi

    1. Thank you Patricia. I am glad to hear that you like it 🙂

Lascia un commento